KAMISHIBAI

Racconti in valigia

 

Il KAMISHIBAI un teatro di immagini di origine giapponese, utilizzato dai cantastorie.

La parola si compone di due termini, KAMI indica la carta su cui disegnato il racconto  e  SHIBAI la storia drammatizzata.

 

Di origini antiche, si sviluppato nel secolo scorso. I narratori ambulanti, con carretti e successivamente con biciclette, andavano nei villaggi con la loro valigia piena di immagini e racconti.

Si facevano preannunciare da un tintinnare di campanello e i bambini si sedevano  in terra di fronte al carretto dopo aver pagato un piccolo contributo per un dolcetto e lo spettacolo.

Il narratore iniziava il racconto,  facendo scorrere le immagini e  variando le  voci, creando un'atmosferica magica e proseguendo di tavola in tavola dava il ritmo alla narrazione.

Alcuni  esemplari sono conservati al Kyoto Museum.

 

 

 

Nel laboratorio della nostra scuola  il teatro "salito in cattedra", usandola come luogo scenico per creare un forte coinvolgimento fra narratore e pubblico. Semplici luci hanno creato l'atmosfera soffusa e attirato l'attenzione sul racconto.

 

Le tavole sono state realizzate con la tecnica delle carte colorate.

I testi sono stati inventati dai partecipanti del laboratorio.

 

 

 

I nostri Kamishibai

 

Note tessendo

Zaira la zanzara.

La gabbianella e il gatto

 

 

 

per vedere altri  kamishibai clicca qui